Regolamento

A.S.D. Tennis Club Lou Gotha

Art. 1
Possono essere Soci dell'Associazione le persone fisiche, le Società e gli Enti che ne condividano gli scopi e che s'impegnino a realizzarli. Chi intende essere ammesso come Socio dovrà farne richiesta, anche verbale, al Consiglio Direttivo, impegnandosi di attenersi allo Statuto e ad osservarne il presente Regolamento e le delibere adottate dagli organi dell'Associazione. All'atto della richiesta sarà rilasciata la tessera sociale e il richiedente acquisirà ad ogni effetto la qualifica di Socio. La qualifica di Socio dà diritto:
1. a partecipare a tutte le attività promosse dall'Associazione;
2. a partecipare alla vita associativa, esprimendo il proprio voto per tutte le delibere demandate dal presente statuto;
I Soci sono tenuti:
1. all'osservanza dello Statuto, dell'eventuale Regolamento e delle deliberazioni assunte dagli organi sociali;
2. al pagamento del contributo associativo entro il termine fissato dall'Organo Amministrativo, il contributo associativo annuale stabilito in funzione dei programmi di attività. Tale contributo sarà determinato annualmente per l'anno successivo e in ogni caso non potrà mai essere restituito. Le quote e i contributi sono intrasmissibili e non rivalutabili.
La qualifica di Socio si perde per recesso, esclusione o per causa di morte; l'esclusione sarà deliberata dal Consiglio Direttivo nei confronti del Socio:
1. che non ottemperi alle disposizioni dello Statuto, del presente regolamento e delle deliberazioni adottate dagli organi dell'Associazione;
2. che, senza giustificato motivo, si renda moroso del versamento del contributo annuale;
3. che svolga o tenti di svolgere attività contrarie agli interessi dell'Associazione;
4. che, in qualunque modo, arrechi danni gravi, anche morali, all'Associazione.
L'esclusione diventa operante dalla comunicazione all'escluso e successiva annotazione nel libro Soci.
Le deliberazioni prese in materia di recesso, decadenza ed esclusione debbono essere comunicate ai Soci destinatari mediante lettera. Qualora l'escluso non condivida le ragioni addotte può, entro 15 giorni, ricorrere all'assemblea dei soci il cui responso è insindacabile.

Art. 2
Il Consiglio Direttivo effettuerà una prima valutazione entro il 30 Novembre di ogni anno e renderà nota la proposta di eventuale variazione della quota annuale entro la stessa data al fine di consentire ai soci la valutazione circa la eventuale preiscrizione per l'anno successivo. La domanda di preiscrizione all'anno successivo dovrà essere presentata dal Socio entro il 31 Dicembre di ogni anno tramite apposito modulo presente sul sito ufficiale del Club. Tale preiscrizione consentirà al Consiglio Direttivo di predisporre un bilancio preventivo per una giusta valutazione delle entrate e delle uscite. Il pagamento della quota dovrà essere effettuata entro il 31 Gennaio.

Art. 3
La tessera FIT dovrà essere richiesta entro il 31 Gennaio di ogni anno e pagata, entro la stessa data, secondo la determinazione che sarà resa nota dalla FIT per tali tessere. I richiedenti la tessera Agonistica dovranno all'atto della domanda di preiscrizione optare per la richiesta di tale tipo di tessera e dovranno provvedere alla consegna del certificato medico sportivo, rilasciato dalle apposite strutture autorizzate, entro la stessa data del 31 Gennaio al fine di consentire al Direttore Sportivo di predisporre le squadre e gli atleti che dovranno partecipare alle competizioni a cui il Direttivo deciderà di partecipare.

Art. 4
I possessori della tessera FIT Non-Agonista e i non tesserati FIT dovranno provvedere in tempo utile alla consegna del certificato medico rilasciato dal proprio medico curante o altro professionista autorizzato. Non saranno consentite proroghe di scadenze dei certificati in quanto pongono responsabilità, anche penali, in capo agli amministratori.

Art. 5
Il Direttore Sportivo, unitamente al Consiglio Direttivo provvederà a contattare i vari centri di medicina sportiva presso cui è possibile effettuare le visite per il rilascio dell'apposito certificato medico per l'attività agonistica, anche al fine di ridurre i costi delle stesse dandone comunicazione a tutti gli interessati. Sarà anche possibile organizzare appuntamenti tramite il Club per tali visite. Per i certificati di semplice idoneità alla attività fisica, si cercherà, ove possibile, eventuali accordi con professionisti abilitati che potranno ridurre i costi di rilascio. Eventuali convenzioni saranno resi noti a tutti i Soci.

Art. 6
Sarà cura del Direttore Sportivo l'organizzazione di un Torneo Sociale che dovrà svolgersi ogni anno. Lo stesso dovrà elaborare il regolamento del Torneo che tutti i partecipanti saranno tenuti a rispettare. Il Direttore sportivo, per la realizzazione del Torneo Sociale o altri tornei deliberati dal Consiglio Direttivo, potrà avvalersi della collaborazione di uno o più soci. Alla Direzione Sportiva è devoluta la scelta dei componenti le squadre che rappresenteranno il Club in eventuali competizioni e/o manifestazioni sportive di Tennis.

Art. 7
Il Consiglio Direttivo, come previsto dallo Statuto, delibera, ad insindacabile motivo, sull'ammissione dei nuovi soci. Nel caso in cui il Consiglio non accetti la richiesta di un nuovo associato, non è tenuto a motivarne le ragioni. Il comportamento scorretto, anche segnalato da eventuali altri soci e le violazioni statutarie e del regolamento interno da parte del Socio, saranno valutate e sanzionate, ad insindacabile giudizio, dal Consiglio Direttivo, dopo aver sentito l'interessato. L'eventuale provvedimento disciplinare, che potrà prevedere l'esclusione del Socio, potrà essere impugnato, per iscritto e motivato, dall'interessato, entro 15 giorni dalla notifica del provvedimento. In caso d'impugnazione il Consiglio Direttivo dovrà convocare entro 15 gg. l'Assemblea Ordinaria degli Associati, la quale delibererà definitivamente sulla esclusione del Socio.

Art. 8
Le presenti norme contengono alcune prescrizioni comportamentali tendenti ad una civile frequentazione del Club e ad una corretta utilizzazione delle strutture. Esse si rivolgono a tutti gli utenti delle strutture del Club, siano essi soci o avventori. Tutti gli utenti delle strutture hanno l'obbligo di avere cura e rispetto dei beni. I Soci e frequentatori sono tenuti ad osservare un contegno dignitoso, tale da non disturbare gli altri giocatori, evitando atteggiamenti e linguaggi intemperanti, offensivi e scorretti e le lamentazioni durante il gioco; lo stesso contegno è richiesto anche a coloro che accedono agli impianti sportivi e o assistono agli incontri, dovendo anch'essi rispettare, col silenzio dovuto, i giocatori in campo. Il personale incaricato o i soci del direttivo sono autorizzati ad allontanare dai vari locali tutti coloro i quali non adotteranno un comportamento civile, arrecando turbamento e disturbo alle attività in svolgimento. Le persone che non rispetteranno il presente Regolamento saranno segnalate al Consiglio Direttivo che si limiterà ad avviare le procedure previste per l'accertamento delle responsabilità e l'eventuale applicazione delle sanzioni previste dallo Statuto e dal Regolamento interno della Società.

Art. 9
L'uso del campo da tennis è subordinato all'accettazione del presente regolamento. I campi da tennis sono utilizzabili nei giorni e nelle ore stabilite dal Consiglio Direttivo del Club e pubblicate sul sito ufficiale nell'apposita area. Il recupero della prenotazione è consentito unicamente per l'impossibilità di gioco a causa di fattori atmosferici o per mancanza di illuminazione, sempre che non siano trascorsi più di trenta minuti dall'inizio del turno di gioco. Normalmente il recupero potrà essere prenotato al momento dell'annullamento del turno o dei turni non giocati. Il mancato annullamento della prenotazione, nel termine anzidetto, obbliga il Socio che l'ha effettuata al pagamento della quota oraria, a meno che l'ora non venga ceduta ad altro Socio.

Art. 10
E' obbligatoria la frequenza in abiti decorosi. Si raccomanda l'uso di una tenuta sportiva idonea mentre è fatto assoluto divieto di giocare sui campi a torso nudo. L'ingresso nel campo avviene con scarpe con la suola adatta ai terreni di gioco onde evitare il danneggiamento degli stessi.

Art. 11
La praticabilità dei campi sarà stabilita insindacabilmente dal consiglio direttivo.

Art. 12
Il Club non assume alcuna responsabilità per il danneggiamento o il furto di valori, oggetti personali ed altre cose mobili di proprietà dei Soci e loro invitati che vengono introdotti o lasciati nei locali o comunque all'interno della struttura.

Art. 13
Il Socio è responsabile per danni alle cose, alle attrezzature, agli arredi e al personale del Club, che siano provocati da esso o dai suoi invitati. I Soci che non osservano le norme del Regolamento sono passibili di provvedimenti disciplinari di cui al vigente regolamento sociale.

Art. 14
È vietato fumare all'interno degli impianti sportivi e nei locali attigui, spogliatoi, corridoi e altri.

Art. 15
I soci devono accertarsi, al momento di abbandonare l'impianto, che il cancello, l'eventuale illuminazione, siano regolarmente chiusi.

Art. 16
L'efficacia del presente regolamento si estende sia ai soci che agli utilizzatori non associati. A questi ultimi le norme ivi riportate si applicano in quanto compatibili. Fatti salvi i rilievi penali in caso di danneggiamenti o di uso fraudolento del campo senza il pagamento del corrispettivo dovuto, qualunque infrazione al presente regolamento comporta la comminazione delle sanzioni previste dallo Statuto previo avvio delle procedure previste per l'accertamento delle responsabilità del caso. Comportamenti non corretti e non decorosi da parte di cittadini utilizzatori non associati al Club, saranno segnalati all'autorità Comunale per quanto di competenza dell'Ente pubblico proprietario.